Gabriele Mainetti regista esordiente, rivelazione eccellente del cinema italiano

di Pina Commenta

Lo Chiamavano Jeeg Robot è il film d’esordio di Gabriele Mainetti e come primo film è stato un successo enorme, visto che ha ottenuto numerosi e inaspettati riconoscimenti alla 60esima edizione dei David di Donatello.

Il film di Gabriele Mainetti, tanto per essere precisi, ha ricevuto 7 premi e un premio speciale del pubblico. Sono stati premiati gli attori presenti nel suo film ma lo stesso regista ha ottenuto due premi: miglior regista esordiente e miglior produttore. Secondo Carlo Lanna ci sono almeno 5 buoni motivi per vedere Lo chiamavano Jeeg Robot e sono questi:

mainetti-banner

  1. Alla sua prima prova da regista, Mainetti dirige un film che è già cult
  2. La storia è originale
  3. Il film ha ritmo incalzante
  4. Luca Marinelli è un villain d’eccezione
  5. Anche Roma ha (finalmente) il suo primo super-eroe

Sicuramente una delle grandi protagoniste del film è Roma, una capitale in crisi, piena di criminali dove trova spazio anche un eroe gonfio di tenerezza in grado di mettere i suoi superpoteri al servizio dei deboli. E l’eroe è bello e ben costruito perché ha pregi e difetti, esattamente come Roma.

Non è un caso che il supereroe trovi la nemesi in uno zingaro, cattivo, malvagio e anche calcolatore ma capace di rendere ancora più intrigante la figura di Claudio Santamaria.

E poi naturalmente c’è il ritmo del film fatto di battute, scazzottate, corse, adrenalina pura. Da lasciare ogni spettatore a bocca aperta e con il fiato sospeso. Una storia emozionante e soprattutto originale che rinnova con verve e gusto il panorama del cinema tricolore. Abbiamo un nuovo eroe romantico dietro la macchina da presa?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>