Madonna a Venezia dimentica i suoi guai

di Francesca Commenta

La Mostra del Cinema di Venezia, avrebbe rappresentato un piacevole diversivo nella vita musicale e sempre frenetica di Madonna, se non fosse riuscita a mettersi nei guai prima di partire facendo infuriare i vicini. Si, perchè è stata denunciata per il chiasso che produrrebbe nei momenti in cui si trova fra le quattro pareti domestiche in America, “E’ troppo rumorosa” avrebbe tuonato chi confina con la sua attuale dimora che sembra essere diventata una sala prove improvvisata. Ecco che quindi sembra sfumato il momento felice al termine della presentazione del suo film W.E.
Del resto per la star non esistono giorni totale relax e vacanza perchè sta preparando il nuovo album e allenare la voce e provare i pezzi diventa quindi assolutamente fondamentale. Madonna, però, ha cercato in tutti i modi di respindere la causa, ma non c’è stato verso: il giudice di Manhattan ha deciso di mandarla a processo.
Ad essere davvero sul piede di guerra è soprattutto la vicina Karen George la quale ha detto di sentire spessissimo “musica a tutto volume, salti e vibrazioni delle pareti”. Questo per almeno tre ore al giorno. La stessa artista richiamata più volte, avrebbe già nel 2009 cercato di prendere dei provvedimenti, ma evidentemente non sono bastati. Allora è stata pure citata in giudizio, ma a quanto pare avrebbe fatto una fatica inutile.
 
Ecco perchè adesso il giudice vuole andare fino in fondo alla questione, confermando che la signora così come gli altri vicini  ha “diritto di avere pace e tranquillità in casa propria”. Che sia famosa o meno non importa, deve pagare per le sue colpe e poco conta se la vicina conosce già tutti i pezzi del nuovo lavoro senza pagare una lira e in assoluta anteprima. Per lei quello che conta ora è avere un pò di meritato silenzio quando si rilassa a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>