Kate Winslet e le scene sexy al cinema

di isayblog4 Commenta

Si lascia immortalare nei panni di una diva, ricordando Elizabeth Taylor su W Magazine, ma l’occasione non è solo perfetta per una serie di scatti d’autore che di certo faranno andare a ruba la rivista, ma anche per lasciarsi intervistare e raccontare nuove curiosità. Mentre il famoso Mario Testino la riprende in pose sensuali Kate Winslet, lei racconta di non amare le scene di sesso al cinema. Una affermazione curiosa, visto che il suo corpo lo abbiamo visto spesso durante questi anni, a cominciare dal film che l’ha resa famosa  che è Titanic. In ogni caso, queste riprese le definisce “bizzarre e immorali”. L’attrice premio Oscar, tra l’altro è apparsa senza veli pure in “Mildred Pierce”, ma ha continuato dicendo: “Le odio”.
Rispondendo alle domande dei giornalisti si rivolge ironicamente alla sua famiglia e dice: “Cara mamma, oggi al lavoro è andata così: avevo un testicolo sinistro schiacciato sulla mia guancia. Se ci pensi in questi termini, è immorale”. Basta non perdersi d’animo però, per Kate c’è un modo alternativo di agire e lo ha scoperto da poco, a 35 anni e con alle spalle una vittoria nel 2008 dell’Academy Award:  “Se lo devi fare, non devi commettere errori. Vai e fai la scena una volta sola, altrimenti se cominci a lamentarti o a procrastinare non ne esci più”.
Durante gli scatti la Winslet si è mostrata un pò tesa a raccontare di quanto si innervosisce prima di girare delle scene di sesso, una sensazione che in un certo qual modo la contagia pure quando deve iniziare le riprese di un film. Tuttavia, la trova una spinta in più per fare bene e dare il massimo ed è per questo che ogni suo lungometraggio è un successo. “Spero di imparare sempre qualcosa, è così che ho vinto un Oscar e ne sono profondamente orgogliosa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>