Shannen Doherty, Beverly Hills 90210 le ha cambiato la vita

di Francesca Commenta

 

Le nuove generazione forse non comprenderanno fino in fondo, perché telefilm come Beverly Hills 90210, rappresentavano i primi esempi di telefilm seguitissimi dai giovanissimi. Oggi, invece, questo tipo di intrattenimento propone una serie di alternative infinite. E’ per questo motivo che una ragazza frizzante come Shannen Doherty, ha vissuto tale successo incredibile reagendo a modo suo, fino a perdere una serie di occasioni. Lei vestiva i panni di Brenda Walsh, ma all’improvviso quando la consacrazione stava per arrivare, è stata licenziata. Colpa sua si disse allora, visto che sul set era instabile e fin troppo capricciosa.

Adesso Shannen Doherty, dopo tanti anni, confessa che le voci messe in giro erano fin troppo vere. Lei in quello storico set, aveva alzato troppo la testa e non si comportava proprio benissimo e per una strana reazione, più le sue intemperanze finivano sui giornali e più esagerava con colleghi e produttori. Alla fine si è travata senza quel lavoro che le ha cambiato l’esistenza. A Vaity Fair, durante una intervista ha detto:

Ho mandato all’aria un sacco di opportunità straordinarie perché, in fondo, non sentivo di meritare il successo. Brenda è stata il colpo di fortuna della mia vita e, al tempo stesso, la fonte di tanta infelicità. Mi ha fatto diventare una persona autodistruttiva.Cresci molto velocemente, sei circondata dai grandi e io ero coccolatissima. Però, sapere di essere così amata ti rende anche molto ingenua. Ma non mi considero una vittima. Ho fatto la mia parte. Solo che non mi rendevo conto che ogni mia intemperanza sul set, ogni mia parola veniva riportata ai tabloid. Più si sbatteva sui giornali la mia immagine di cattiva ragazza, più io lo diventavo davvero!”.

La sua fama di cattiva ragazza ha interessato notevolmente anche la vita privata tra fidanzamenti e matrimonio ed, infatti, ha detto di aver avuto parecchi legami: “Durante Beverly Hills 90210, con un tizio che conoscevo appena. La seconda, qualche anno dopo: un errore gigantesco. E poi è arrivato Kurt”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>