Hotel Transilvania: tutti pazzi per il film d’animazione da ridere

di Francesca Commenta

 

E’ tutto da ridere il film di animazione che già poche ore prima dall’uscita in sala è attesissimo da ragazzi e adulti, gli stessi che da stasera affolleranno di sicuro le sale. Parliamo di “Hotel Transylvania”, resort a cinque stelle pensato per tutti quei mostri che vogliono sfuggire indovinate a cosa? Ovviamente ai turisti invadenti. Ci sono figure temibili come Frankenstein, il Lupo Mannaro e la Mummia che come un elefante di fronte ad un topolino, non riescono a stare in continuo contatto con gli esseri umani curiosi e logorroici, che diventano dei veri mostri quando sono in viaggio.

Il cartone è firmato da Genndy Tartakovsky, che svela quanto anche i protagonisti dell’horror non manchino di humour e sappiano far divertire all’occorrenza. Chi gestisce l’Hotel Transylvania? Ovviamente il Conte Dracula, doppiato da un bravissimo Claudio Bisio ma tra i suoi amici ci sono Wayne il Lupo con al seguito la sua numerosa famiglia, lo zio “Frank” Frankenstein e la spericolata Mummia.

La mente del gruppo è però proprio il Conte Dracula che ha pensato di realizzare  l’esclusivo resort a 5 stelle per salvare i suoi amici dal “pericolo” degli esseri umani. Insomma, queste creature della notte, mostrano un pò di perdere smalto. La struttura, però, non è vuota e c’è anche la figlia Mavis, che ha la voce di Cristina Capotondi. In pratica sarebbe un luogo dove trovare un ottimo riposo eterno, almeno fino all’arrivo di Johnatan, un ragazzo umano che si innamora proprio di Mavis. Da quel momento ne accadranno di tutti i colori. Lui non potrà più vivere senza di lei e sceglierà quindi di convivere con gli altri inquilini dell’ hotel, affrontando anche i continui tentativi di Dracula di impedire il suo rapporto con la figlia. L’amore però vince su ogni cosa e non sarà di certo facile dividere la coppia.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>