Snoopy, gli inediti di Charles Schulz finiscono all’asta

di isayblog4 Commenta

 

Il creatore dei Peanuts, per chi non li ricordasse i mitici Charlie Brown, Snoopy e tutto il gruppo al completo, è morto da 12 anni e oggi c’è una novità. Molti dei suoi inediti sono stati messi all’asta e la decisione è arrivata grazie a Tracey Claudius. La donna ha scelto di rendere fruibili a chi può permetterselo economicamente lettere e disegni che il fumettista aveva in vita dedicato a lei. La casa d’aste che si sta occupando del progetto ha stimato il valore complessivo di tutto il materiale ed ha parlato di circa 350mila dollari. Una discreta somma e per prendere parte all’evento, bisognerà non mancare il prossimo 14 dicembre da Sotheby’s a New York.

Chi offrirà di più, quindi, potrà permettersi non solo le lettere scritte da Schulz all’amante Tracey, ma anche 22 disegni di Snoopy e amici. In ogni caso, non ci sono dubbi, ognuno di questi documenti mostra un chiaro riferimento alla relazione tra i due. Una delle vignette più peculiari in questo senso, mostra Charlie Brown che visita il banchetto di consulenza di Lucy e le chiede: “Pensi che la monogamia sia possibile per gli esseri umani?”.

 

In un’altra Snoopy non vuole tornare nella sua cuccia e afferma: “Questa non è la mia casa. E’ una prigione di bugie“. Questo è solo un esempio, ancora più chiaro un altro fumetto in cui il simpatico cagnolino sta scrivendo un romanzo e riporta: “John sapeva che il suo matrimonio era una menzogna“. Un modo meno comune per esprimere i propri fantasmi, insomma, ma non per questo poco chiaro e ora queste vignette finiranno a casa di chi potrà permettersi di offrire di più. Un legame che il tempo forse non ha spezzato ma la protagonista della storia ha deciso in qualche modo di sbarazzarsi di questi ricordi forse troppo ingombranti e di vendere tutto a chi saprà fare tesoro di ricordi indelebili su carta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>