Anche John Slattery e Jamey Sheridan in Spotlight, film sugli scandali sessuali nella Chiesa Cattolica

di Pina Commenta

John Slattery di “Mad Man” e Jamey Sheridan di “Homeland” sono le new entry del film che racconta degli scandali sessuali da parte di preti cattolici, “Spotlight”, di Tom McCarthy. Di recente anche Billy Crudup si è unito al cast.

Il film prende ispirazione dall’indagine, divenuta nota, del quotidiano Boston Globe, che scoprì di numerosi insabbiamenti da parte dei vertici della Chiesa Cattolica nordamericana su casi di abusi sessuali perpetrati ai danni di minori da preti dell’arcidiocesi di Boston.

L’inchiesta sollevò un enorme polverone mediatico e Mark Ruffalo e Rachel McAdams interpreteranno proprio i ruoli dei due reporter Michael Rezendes e Sacha Pfeiffer che hanno portato alla luce questi crimini, intervistando moltissime vittime.

Tom McCarthy, il cui “The Cobbler” è stato recentemente presentato a Toronto, dirigerà il film sulla sceneggiatura scritta insieme a Josh Singer.

Nel cast ci sono anche Liev Schreiber che interpreterà l’editor del Globe Marty Baron, Michael Keaton sarà l’editor dello “Spotlight Team” Walter Robinson, Mark Ruffalo e Rachel McAdams, come accennato saranno i reporter e Stanley Tucci l’avvocato Mitchell Garabedian.

John Slatter avrà il ruolo di Ben Bradlee, un altro editor del team Spotlight, Crudup sarà Eric MacLeish, un potente avvocato in difesa delle vittime di abusi sessuali e Jamey Sheridan sarà Jim Sullivan, un avvocato in rappresentanza della Chiesa. A completare il resto del nuovo cast ci sono Brian D’Arcy James di “Smash”, che sarà il giornalista Matt Carroll.

Il film è una co-produzione di Michael Sugar e Steve Golin dell’Anonymous Content e Nicole Rocklin e Blye Faust della Rocklin/Faust, con il finanziamento della Participant Media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>