Kristen Stewart a Vogue: “il successo mi ha travolta”

di Francesca Commenta

 

Si è proprio così, la piccola Kristen Stewart sta soffrendo. Non abbiamo la certezza che la fine della sua storia con Robert Pattinson per via del tradimento con il regista de Biancaneve e il Cacciatore, Rupert Sanders, non sia una montatura, ma si trova comunque nell’occhio del ciclone. Giovane ed inesperta, sta rischiando davvero la carriera e, intanto, la vediamo in un servizio fotografico molto bello nel numero di ottobre di Vogue.

La bella Kristen si è fatta fotografare, ma ha deciso anche di farsi intervistare raccontando un pò cosa sta provando e quanta pressione, da anni ormai, abbia addosso. Essere diventata una icona mondiale con Twilight le ha dato dei vantaggi, ma anche una serie di problemi, ma chi vive la vita comune di tutti i giorni questo non può saperlo. Ecco che, dopo aver atteso molto tempo prima di parlare o farsi vedere in pubblico ha detto:

 

Ho capito che se uno non pensa a come presentare al pubblico un’idea preconfezionata di se stesso allora rischia di sembrare poco ambizioso” spiega l’attrice. “Ma onestamente io dico che non posso. La gente si aspetta che sia tutto facile ma poi ci sei tu, là fuori, che fai la cosa che tanti desidererebbero fare, guadagnandoci pure un sacco di soldi. Sai, per me non è così semplice. Posso sembrare goffa, come se dovessi sedermi e pensare ogni volta: ‘OK, sono davvero famosa, come faccio a comportarmi in pubblico?’. Perché io non so proprio chi sia quella persona!

Su Vogue a riprenderla ci ha pensato Mario Testino, abituato ad avere a che fare con le dive, ma la momento lei non pensa proprio al successo, quanto a riprendersi una immagine pubblica che è stata sporcata in modo molto grave. Se riuscirà a recuperare la fiducia dei fan è presto per dirlo, ma noi facciamo il tifo per lei.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>