L’isola dell’angelo caduto: Carlo Lucarelli alla regia

di isayblog4 Commenta

 

Una novità non indifferente: l’Isola dell’angelo caduto non solo è un film presente al Festival di Roma, ma segna anche l’esordio alla regia di Carlo Lucarelli. Molti gli attori presenti, tra i quali Giampaolo Morelli, Gaetano Bruno, Rolando Ravello, Giuseppe Cederna, Sara Sartini, Daniele Monterosi, Lorenzo Perpignani, Adolfo Margiotta, Veronica Gentili, Irma Carolina di Monte, Stefano Gragnani, Francesco Rossini e Laura Glavan. Lo scrittore ha deciso di mettersi dietro la macchina da presa, lavorando ad uno dei suoi romanzi di maggior successo.

Nella pellicola si parla degli anni dell’ascesa di Mussolini, in un’isola prigione, abitata dal vento e da strane apparizioni. Tutto intorno è mistero e sembra esserci un segreto non confessato. Si comincia da una inchiesta poliziesca e, alla fine, si arriva in un thriller pieno di tensione e ansa. Storia e novità al cardiopalmo si intrecciano.

Insomma, più generi vengono messi a confronto. Si va dal thriller al fumetto e al centro c’è appunto la storia di una isola che mette tutt’altro che tranquillità. Lacollocazione dell’isola, dovrebbe essere al centro del Mediterraneo tra horror e gotico e atmosfere visionare. Insomma, una pellicola che incuriosisce e che poco svela fino alla fine. Il tratto di terra, è creato dal nulla, nel bel mezzo della campagna laziale, luogo di fantasia nato virtualmente grazie agli effetti visivi. A produrlo ci ha pensato la Kaos Cinematografica in associazione con Stemal e Le Talee. Insomma Lucarelli è diventato regista per raccontare del Fascismo, del 1925, quando in queste misteriosa isola, la scena si concentra su un commissario innamorato di sua moglie. Lei sta impazzendo vorrebbe andare via da questo posto che non ama, ma il marito non è d’accordo. Questo perché ha  un omicidio e deve fare delle indagini proprio lì. La curiosità di scoprire come andrà a finire, si fa velocemente strada nell’animo dello spettatore che rimane incollato alla sedia per capire che cosa nasconde quell’isola così strana.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>