Aida Yespica diventa attrice

di Francesca Commenta

 

Non è nuova alla recitazione Aida Yespica, ma questa volta ha deciso di fare sul serio. Non sono stati anni facili questi per lei. Dopo la nascita del figlio ha lavorato di meno, ha perso il compagno e ha un matrimonio alle spalle. E’ il momento di riprendersi la sua vita e comincia una nuova avventura, lavorando nel cortometraggio “UnderSense“, scritto e diretto da Simona Ilaria di Michele. E’ pronta a tutto pur di farsi notare in questa nuova veste ed, infatti, non limita le scene di nudo. Racconta di vestire i panni di Alicia, una donna che si sente libera ma che allo stesso tempo è in gabbia. La realtà di molte donne e forse anche la sua. 

In primo piano ci sono soprattutto tre personaggi che sono: Alicia (Yespica), Bill (Alessandro Mario) e Shara (Gaia Roma Saponaro). A Produrre il cortometraggio ci ha pensato la stessa Yespica insieme alla Saponaro e il punto di forza è la capacità di toccare problematiche sociali molto delicate. Il tutto senza volgarità e con fare elegante ed onirico. La nostra società oggi ha una serie di problemi: mancano i valori, ma qualcosa è rimasto del passato. Sicuramente ci sono moltissime contraddizioni e i ruoli sono confusi, ma Alici, bella e magnetica ha bisogno davvero di aiuto. Crede per la sua vita, per andare nel verso giusto, debba essere finta e si trova costretta a mentire continuamente. 

Soddisfatta Aida Yespica del suo ruolo di attrice perché ha potuto affrontare delle situazioni spesso lontane dalla sua vita. Ha imparato, però, ad immedesimarsi e a livello personale ne ha guadagnato molto. Ha lavorato del resto, accanto ad una giovane regista. Ha confermato di avere bisogno di comunicare dei messaggi forti e ora si sente pronta a farlo. Tutto grazie alla vicinanza con il suo Aron, che resta la sua vita e la gioia più grande che l’accompagna.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>