Miranda Kerr: Orlando Bloom è pazzo dei suoi piedi

di Francesca Commenta

Trovare un difetto ad una bellezza come Miranda Kerr non è facile e il suo stupendo marito che è Orlando Bloom, infatti, apprezza e se la tiene stretta insieme al loro figlioletto. C’è un dettaglio però che lo manda letteralmente in tilt, almeno secondo quanto sostiene la modella. Si tratta dei suoi piedi ai quali tiene sopra ogni cosa. Per lei che comunque cura il suo corpo alla perfezione, la pedicure è un must, per la carriera e per il compagno. 

Secondo Miranda Kerr, dunque, tenersi stretto il suo uomo si può anche mostrando al meglio questa parte del corpo, non di rado sottovalutata e dice: E’ vero tengo a curare i miei piedi ma c’è da dire che Orlando è fissato, è un feticista e li ama“. Lei che è una star di Hollywood ed ha ripreso a sfilare sin da dopo il parto con un fisico perfetto, sembra non invecchiare mai. D’accordo è giovanissima, ma da quando la vediamo sfilare non è mai cambiata, forse merito delle mille attenzioni che regala alla sua bellezza. 

La modella e la star di Hollywood si sono conosciuti nel 2006. Lui è rimasto folgorato dall’avvenenza di Miranda nel corso di una sfilata di lingerie di “Victoria’s Secret”. Ha deciso il quel momento che sarebbe stata sua, ma non ha avuto subito il suo cuore. A quanto pare il corteggiamento è stato serrato e i due si sono fidanzati nel 2007 salvo poi ufficializzare il rapporto nel 2010. Alla fine si sono sposati con una cerimonia intima. Nel 2011, a gennaio, è nato il piccolo Flynn. Al momento resta la coppia più invidiata e solida dello show business e lei ha svelato questo piccolo segreto. Del resto, nemmeno ai piedi sembra avere alcun difetto e con una dea così al fianco, è impossibile resistere e non sentirsi un uomo fortunato. 

Photo Credit: Eva Rinaldi su Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>