Tropa De Elite – Gli squadroni della morte

di Blogger 1

TROPA DE ELITE, Orso d’Oro al 58. Festival Internazionale del Cinema di Berlino, dall’autore di “City of God”, esce al cinema venerdì 6 giugno.

Chi crede di conoscere tutte le storie che riguardano la realizzazione travagliata di TROPA DE ELITE si sbaglia. C’è molto più di quanto non sia già stato pubblicato. “Forse per l’argomento, ma sicuramente per lo sforzo della troupe, questo film è nato con una energia diversa, è stata un’esperienza unica”, afferma l’attore Caio Junqueira parlando della sua dodicesima interpretazione cinematografica. Anche l’abituale burocrazia, cui un film deve sottoporsi per ottenere i nullaosta per le riprese, è andata avanti contro ogni regola, racconta il regista José Padilha. Il produttore Marcos Prado rivela anche le conseguenze più drammatiche del furto e del sequestro di cui è stata vittima la troupe al Morro Chapéu Mangueira, Leme.

Rio de Janeiro, 1997.
Nascimento (Wagner Moura), capitano della Squadra d’Elite di Rio, viene scelto per comandare uno dei gruppi che hanno la missione di “pacificare” il Morro do Turano per una ragione a suo avviso insensata, la visita di Giovanni Paolo II.
Ma deve eseguire gli ordini, mentre cerca un sostituto perché sua moglie, Rosane (Maria Ribeiro), agli ultimi giorni di gravidanza, gli chiede continuamente di abbandonare la prima linea del Battaglione. Sotto costante pressione, il capitano inizia a sentire gli effetti dello stress. In questo clima è chiamato per un’altra emergenza in un morro. Durante una sparatoria in una festa funk, Nascimento e la sua squadra devono salvare due aspiranti ufficiali della PM: Neto (Caio Junqueira) e Matias (André Ramiro). Ansiosi di entrare in azione e impressionati dall’efficienza dei loro salvatori, si candidano entrambi al corso di formazione della Squadra d’Elite. La fama di integrità e dinamicità dei due giovani è già arrivata al Battaglione, che li ammette al corso comandato da Nascimento. Il primo si distingue per il coraggio. Il secondo per l’intelligenza. Se potesse unire in un solo individuo queste due qualità, il capitano Nascimento avrebbe trovato il suo successore.

Distribuisce Mikado

Commenti (1)

  1. GRAN FILM, molto più profondo di quanto si immagini dopo la prima visione.
    Ricostruzione delle manovre militari assolutamente perfetta, per una volta, senza antrare nei particolari.
    Ottimo ottimo e ottimo, lo preferisco addirittura a City of God, che in alcuni momenti era troppo prolisso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>