La vincitrice del premio Oscar® Halle Berry e il vincitore del premio Oscar® e Palma d’Oro a Cannes 2008 Benicio Del Toro sono gli straordinari protagonisti del nuovo film di Susanne Bier, prodotto dal premio Oscar® Sam Mendes (American Beauty).
Noi due sconosciuti racconta con sguardo intenso e partecipe l’incontro inaspettato tra due anime perdute, due persone distanti solo in apparenza e unite dal destino, capaci di affrontare insieme le scelte più difficili della loro vita.

Con Noi due sconosciuti la regista danese Susanne Bier realizza la sua prima pellicola per il mercato americano dopo il successo mondiale di film come “Dopo il matrimonio” (“After the Wedding” candidato all’Oscar® 2006) “Open Hearts” (2002) e “Non desiderare la donna d’altri (“Brothers” 2004”), distribuito dalla Teodora Film e candidato a 11 European Film Academy. Le storie della Bier, molto dirette ed emotivamente molto intense, hanno conquistato un pubblico sempre più vasto grazie anche alla capacità di sorprendere lo spettatore con elementi narrativi inaspettati.

Tra gli estimatori della Bier si colloca il regista premio Oscar® Sam Mendes. Dopo il successo di “American Beauty” e “Era mio padre” (Road to Perdition”), la società di produzione di Mendes ha ricevuto numerosissimi copioni, tra cui quello di Noi due sconosciuti, scritto da Allan Loeb. “Ma quello di Loeb è il racconto che più di tutti mi ha emozionato” – spiega – E’ sempre più difficile trovare copioni per il grande schermo che parlino di persone le cui vite si intrecciano in modo così coinvolgente”.
Mendes decide immediatamente di produrre il film: “Percepivo la necessità di chiamare un regista con un timbro stilistico molto particolare”, – spiega Mendes – “Volevo che la realizzazione del progetto fosse il più possibile fedele alla sceneggiatura. Così ho pensato alla Bier, per certi versi paragonabile ad altri registi come Fernando Mereilles o Alejandro Gonzàlez Inàrritu”. “I film di Susanne Bier – continua Mendes – possiedono una bellezza molto terrestre, a tratti più dura, più aspra rispetto ad altre pellicole realizzate da registi inglesi o americani”.

www.teodorafilm.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>