Daryl Hannah madrina di CinemAmbiente

di Blogger Commenta

L’undicesima edizione di CinemAmbiente ha come madrina d’eccezione Daryl Hannah, l’attrice statunitense da anni impegnata in prima linea per l’ambiente.
Già nella scorsa edizione il festival ha sottolineato l’impegno di alcune star hollywoodiane in occasione della proiezione del film documentario French Fries to Go che vede il rapper Charris Ford e la stessa Daryl Hannah promuovere l’utilizzo del biodiesel. Daryl Hannah sarà a Torino per testimoniare un attivismo militante e sincero che la vede impegnata in numerosi progetti. Il sul suo sito personale, DH Love Life, pubblica un video blog settimanale dedicato ai temi che le sono cari come il cibo biologico, l’architettura e i trasporti sostenibili, ricco di notizie su manifestazioni che riguardano l’ambiente, personaggi, lotte, consigli per una vita più ecocompatibile.

Nata il 3 dicembre 1960 a Chicago, Daryl inizia a recitare da adolescente per assecondare il suo temperamento fantasioso e introspettivo: si diploma in arte drammatica alla Southern University di Los Angeles e a 18 anni fa la sua prima apparizione in The Fury di Brian De Palma, a cui segue quattro anni dopo l’aliena Pris in Blade Runner e il famosissimo Splash, una sirena a Manhattan, che la consacra al grande pubblico.

Vegetariana dai 7 anni, da sempre coinvolta dall’interesse per la in difesa dell’uomo e del pianeta, la diva ha intrapreso da tempo una vera e propria militanza ecologista: tredici anni fa si è fatta costruire una casa in mezzo alla natura con materiale ecologico e alimentata con pannelli solari. Per muoversi usa il biodiesel, ospita cani e gatti trovatelli e possiede quattro cavalli salvati dall’abbattimento.
La Hannah non si è limitata solo a promuovere campagne di sensibilizzazione a favore della natura, ma si è fatta addirittura arrestare perchè ha “soggiornato” per tre settimane su di un grosso albero di noce per evitare che un’area verde di Los Angeles fosse sacrificata per costruire capannoni industriali. Accusata di violazione di proprietà privata, ha trascorso sette ore nelle mani della polizia, diventando in seguito a questo gesto estremo il simbolo di una Hollywood ecologista e socialmente impegnata. Daryl arriverà a Torino nel pomeriggio di oggi e sabato 18 ottobre, dopo una visita al Museo Nazionale del Cinema, alle ore 12.00 presenzierà ad un incontro con la stampa alla Mole Antonelliana. La sera, al Cinema Massimo, Daryl Hannah incontrerà il pubblico in occasione della proiezione di quattro video tratti proprio da DH Love Life: Eviction, Bike Culture, Rwanda e Carbon Neutral, a cui seguirà l’anteprima nazionale di Garbage! The Revolution Starts at Home, film in concorso tra i documentari internazionali. I cortometraggi mostrano quattro esempi della Daryl più ambientalista: Eviction documenta il suo arresto per proteggere la comune verde South Central Farm (compaiono nel video anche Joan Baez e Willie Nelson), Bike Culture filma un raduno di Critical Mass (il movimento di bikers che raduna per cause economiche e ambientaliste migliaia di persone in tutto il mondo), Rwanda racconta il suo viaggio in Africa in difesa dei gorilla, mentre Carbon Neutral è un’intervista allo scienziato ecologista David Suzuki che consiglia alcune buone pratiche fondamentali per la salvaguardia del pianeta.

Fonte: Museo Nazionale del Cinema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>