Sandra Bullock, dal Premio Oscar ai fantasmi

di Francesca Commenta

No non si tratta di un titolo ad effetto ma della pura verità: Sandra Bullock è terrorizzata dai fantasmi e pensa di non essere da sola in casa. Un problema che ultimamente la sta assilando, tanto che ha deciso di correre ai ripari. Per fortuna non parliamo della sua abituale abitazione, ma quella dove si trova attualmente per via del suo nuovo impegno sul set. L’attrice premio Oscar, infatti, dopo vicissitudini sentimentali ha deciso di andare avanti e ha ripreso a lavorare. Attualmente è a Londra per girare il thriller fantascientifico “Gravity” con George Clooney. Tutto potrebbe essere perfetto, o quasi, se non fosse per i problemi che si ritrova ad avere tra le quattro pareti domestiche. Vediamo meglio di cosa si tratta.
A riportare la notizia è stato il tabloid The Sun, il quale conferma che Sandra Bullock avrebbe chiesto alla produzione di aiutarla a confermare o smentire se davvero nel suo nel suo alloggio, una chiesa sconsacrata, ci sono i fantasmi. Magari si tratta solo di suggestione visto che conosce la storia del posto, ma potrebbe esserci un fondo di verità e per lei è difficile recitare serenamente, avendo il terrore poi a fine giornata di chiudere la porta e riposare.
Sandra è certa: le presenze spettrali ci sono e non la lasciano vivere tranquilla, per cui forse l’unica soluzione è quella di cambiare alloggio. In ogni caso, fino a quando il mistero non sarà stato svelato, il disagio interesserà pure i produttori del film che devono al più presto risolvere tutto per evitare che perda la concentrazione e non riesca più a dormire. E’ importante, ovviamente, che renda al massimo sul set anche perchè come riporta il giornale”E’ convinta che nella sua casa ci sia qualcosa che non va”. Staremo a vedere e intanto speriamo riesca a rendere al meglio come sempre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>