Lucy: Harry Potter, la malattia e la rinascita

di isayblog4 Commenta

Harry Potter ha fatto più che una magia un miracolo, anche se per la verità non è stato il maghetto più famoso di tutti i tempi a salvarla ma forse davvero un intervento divino o un caso più che fortuito. La giovane attrice Lucy Hussey-Bergonzi, 13 anni, ormai era senza speranza e i medici avevano avvisato i familiari che era inutile sperare per lei. La sfortunata interprete della saga campione di incassi, infatti, era stata colpita da un’emorragia cerebrale poco dopo aver girato alcune scene di “Harry Potter e il principe mezzosangue“.Nonostante il dolore di amici e colleghi non dava alcun segno di speranza.

Tutavia, dopo che le è stata bagnata la testa con dell’acqua santa, ha ripreso a vivere. Come mai una ragazza così giovane appena adolescente, si è ammalata gravemente? Il tutto sarebbe dovuto a una malformazione congenita a una vena.Per ben cinque giorni è rimasta attaccata alle macchine per respirare, ma in ospedale continuavano a dire che era finita per lei. Secondo i medici non si sarebbe più svegliata.

 

A questo punto è stato chiamato un prete al suo capezzale per recitare delle preghiere ed è avvenuto l’impensabile. Nel momento in cui l’acqua santa ha toccato la testa della ragazza, lei ha avuto un sussulto e alzato il braccio.Sono trascorse appena 24 ore e si è ripresa del tutto. E’ chiaro che sarà necessaria una riabilitazione, ma sembra scongiurato ormai il pericolo di vita. In questo modo la serie di film saranno ricordati anche per questo lieto evento e non per l’ingiusta fine di una ragazza che davvero ha ancora tutta l’esistenza davanti e mille avventure, non solo cinematografiche, da scoprire. Che sia lo spettacolo,  piuttosto il quotidiano per lei ci sono davvero tante nuove, preziosissime albe e una gioia ritrovata per tutti coloro che le vogliono veramente bene. Nuona fortuna Lucy!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>