Orlando Bloom e l’incredibile rivelazione

di Francesca Commenta

Orlando Bloom ha rischiato di non diventare mai famoso e peggio ancora di terminare i suoi giorni in preda alle sofferenze e paralizzato. E’ quanto ha raccontato lo stesso attore, ringraziando il destino per averlo salvato dopo che una bravata di gioventù ha provato a rovinarlo per sempre. Tredici anni fa il terribile incidente, quando lui aveva appena 21 anni. In quella occasione si trovava su di una grondaia che ha ceduto causandogli la rottura delle vertebre. La schiena per fortuna non ha subito conseguenza gravi, ma in un primo momento si è temuto il peggio. Ha fatto in tempo a riprendersi prima di essere chiamato per il ruolo dell’elfo Legolas che lo ha reso famoso ad Hollywood e di conseguenza in tutto il mondo.

Orlando che oggi è sposato con la top model Miranda Kerr e padre del piccolo Flynn si trovava con degli amici. Insieme a loro voleva raggiungere il terzo piano di una casa, ma la grondaia si è rotta ed è caduto rovinosamente per terra, rompendosi la schiena. Nei 4 giorni successivi è rimasto a letto e ha dovuto seguire estenuanti sedute di fisioterapia per ben un anno e mezzo.

 

Attualmente rimane sempre in allenamento per evitare qualunque tipo di problema: “Ne sono grato, così tengo sempre allenata la schiena l’attore. L’incidente non mi ha impedito di fare alcunché, ma la mia schiena è un costante promemoria. La paura non è mia amica. Non posso smettere di vivere, rovinerebbe la mia creatività. La persona che sono”. Adesso che è famoso nessuno sospetta quanto in fondo abbia sofferto, ma la vita è anche questione di fortuna e lui comunque è stato non solo bravo ma anche vincente. L’incidente si è risolto solo con tanto spavento, ma gli ha insegnato a guardare tutto con un’altra ottica e ad apprezzare tutto ciò che si ha giorno dopo giorno e lui ha davvero tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>