I Puffi: al botteghino sono invincibili

di Francesca Commenta

Loro sono carini, il 3D funziona sempre e la storia è simpatica, adatta alle famiglie ma anche a chi va a nozze con i buoni sentimenti. Il mix funziona alla grande e i Puffi sbancano al botteghino per un ritorno davvero col botto. I piccoli e teneri ometti blu che finiscono nella caotica e moderna Grande Mela, dimostrano di essere in grado di cavarsela in qualche modo anche fuori dal loro ovattato mondo dove persino con Gargamella sempre alle calcagna sanno bene dove nascondersi.

I Puffi in 3D sono arrivati nelle sale cinematografiche solo nel weekend eppure hanno già incassato la bellezza di 2.604.598 euro, ottenendo in questo modo il primato in assoluto al botteghino. Piccoli eroi venuti fuori dalla fantasia e dalla penna di Peyo non temono il confronto ed infatti hanno fatto fuori senza colpo ferire giganti considerati vincenti come “Super 8″ di J. J. Abrams. Quest’ultimo che si trovava in vetta alla classifica, adesso passa dalla prima alla terza posizione.

 

Sempre negli ultimi due giorni, è arrivato pure “Carnage” di Roman Polanski, reduce da una Mostra del Cinema di Venezia non proprio fortunata per la pellicola e conquista il secondo posto. Al quarto passa invece “Box Office 3D” di Ezio Greggio e al quinto  ”Kung Fu Panda 2″ che aggiunge altri 528mila euro a quanto già incassato. La sesta posizione, ancora, è dedicata alla commedia romantica “Crazy Stupid Love” che porta a casa solo 378 mila euro, ma con film attesissimi davanti non si poteva sperare di meglio in fondo. In basso alla top ten poi ecco “Contagion” di Steven Soderbergh, che scende dal quarto al settimo posto, “The Eagle” di Kevin Macdonald, nuova uscita,  “Terraferma” di Emanuele Crialese e “Il debito” di John Madden. Voi siete già andati a vedere i Puffi? Si prevede il pienone anche nei prossimi giorni e questo dimostra ancora una volta che i cartoni animati degli Anni Ottanta sono amatissimi anche adesso dalle generazioni del periodo, da quelle precedenti ma anche da quelle successive.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>