Leonardo Di Caprio: sul set è irriconoscibile

di isayblog4 Commenta

Sembra che a Leonardo di Caprio comincino a piacere i travestimenti ed infatti nei giorni scorsi si è presentato in una gioielleria con tanto di cappello e due guardie del corpo, tanto da far temere ai proprietari di essere di fronte ad un pericoloso rapinatore. In quella occasione doveva comprare una collana per la madre e non voleva giustamente essere seguito dai fans, ma adesso sul set non è da meno e si trasforma completamente.
Per esigenze di copione del resto, si sa, si fa questo e altro ed eccolo quindi con capelli bianchi nel trailer del nuovo film di Clint Eastwood “J. Edgar“. Nella pellicola interpreta l’ambiguo primo direttore dell’Fbi e si prepara ancora una volta a raccogliere i consensi dei suoi tanti fans. Questo perchè il lungometraggio arriverà negli stati Uniti il 9 novembre, ma in Italia dovremo aspettare non poco. Si perchè di Caprio si lascerà osservare in questa veste solo il 4 gennaio 2012.
Il film riguarda in particolare la biografia del discusso direttore ed ex fondatore dell’Fbi, J. Edgar Hoover, che ebbe una relazione con il consocio Clyde Tolson (Armie Hammer) in un periodo di  tempo compreso tra il 1935 e il 1972. Furono gli anni in cui i due uomini divisero tutto e oltre al lavoro si ritrovarono insieme in vacanza e con le medesime donne. Furono notati più volte soprattutto nei locali notturni ma furono molto bravi a non uscire mai del tutto allo scoperto. Insomma non dissero mai di essere omosessuali e di avere una relazione, forse per il timore del giudizio della gente intorno. Nessuno però ha mai avuto dubbi in merito tanto che alla morte di Hoover, Tolson ha ereditato tutto persino la casa. Una storia che fa riflettere e a tratti commuove e come spesso accade da un pò di anni, Di Caprio è bravissimo ad interpretare parti scomode e personalità complesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>