Penelope Cruz sul set di Venuto al mondo

di isayblog4 Commenta

E’ già sul set del nuovo film tratto dal romanzo di Margaret Mazzantini, Penelope Cruz e lavora proprio con il marito della scrittice nonchè padre di quattro figli, il regista Sergio Castellitto. Una amicizia di vecchia data con l’attrice americana, sin dai tempi di “Non ti muovere” e ora il sodalizio si ripropone con “Venuto al mondo”. Nei giorni scorsi è stata fotografata a Roma mentre si muoveva con grande fascino su un barcone, tra una smorfia e uno sguardo sexy. Se prima le riprese, infatti, erano iniziate a Sarajevo adesso ci si sposta nella Capitale e il risultato non cambia: tutti sono disposti a dare il massimo.
Lei che ha guadagnato anche un Premio Oscar si trova ancora nella Città Eterna, dopo aver terminato le riprese del nuovo film di Woody Allen proprio in tale luogo. Qui si trasforma in Gemma la protagonista di tutto il lungometraggio che ha nel cuore e nel fisico i segni della guerra civile in Bosnia e che da Roma, dove si era trasferita, dopo tanto tempo l’animo le dice di tornare indietro. Ecco allora che molla tutto e ritorna a Sarajevo insieme al figlio 16enne, interpretato dal figlio maggiore di Castellitto e Mazzantini, Pietro.
Qui però la vita non smetterà di sorprenderla ed, infatti, incontrerà un uomo (Adnan Askovic) che nel 1984 le aveva presentato Diego (Emile Hirsch) e che non ha mai dimenticato. L’amore è rimasto radicato dentro di lei e finalmente è libero di esprimersi.  “Venuto al mondo”, rappresenta la seconda pellicola in cui la Cruz lavora con Castellitto dopo “Non ti muovere”, con cui nel 2004 il regista ha vinto il David di Donatello. La lavorazione del film non è ancora terminata ed infatti non uscirà nelle sale prima del 2012. tra le altre star nel cast non mancano pure Luca De Filippo e Jane Birkin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>