Eva Grimaldi: dal cinema, alla depressione alla rinascita

di isayblog4 Commenta

Non importa quanto sei ricco, bello o famoso, il “male oscuro” può colpire anche te. Questo non è un messaggio che deve gettare nel panico, però è vero che la depressione e alcune circostanze funeste nella vita possono fare male a chiunque pure alle persone più forti. E’ accaduto di recente pure all’attrice Eva Grimaldi di trovarsi per questioni personali in un momento di grande sconforto e solo tanta forza di volontà e l’aiuto dei propri cari sono riusciti a farla tornare sorridente e serena più di prima. Dall’apparenza forte e quasi algida, ha dimostrato invece di essere una donna che crede all’amore e non solo al cinema e alla sua carriera, ma dopo un altro amore finito male è ora di ricominciare da se stessa.

Nei giorni scorsi la Grimaldi infatti non ha risparmiato rivelazioni shock raccontando del tunnel nel quale è entrata dopo la fine del suo matrimonio con l’imprenditore Fabrizio Ambroso, naufragato un anno fa. Una spirale maledetta dalla quale in molti non escono più ed ha rischiato di annebbiarne pure i grandi successi sul piccolo e grande schermo.

 

Intervistata sull’argomento in un noto salotto televisivo ha infatti detto: “Dopo la fine del mio matrimonio, ho iniziato a bere e ho rischiato di diventare alcolizzata. Questa cosa non la sa nessuno, è la prima volta che la racconto. Ma oggi posso dire di avercela fatta. Solo le parole di mia madre mi hanno salvata, mi ha detto che non ero finita: mi ha mostrato la foto di un bimbo africano in difficoltà e così sono partita per l’Africa. Dico a tutti di non perdere l’autostima e coltivare le proprie amicizie”. Oggi si riprende il suo lavoro e di certo non resterà da sola a lungo con tutto il suo fascino e la sua incredibile bellezza. Ricomincia ancora una volta e per la gioia dei fan torna ad interpretare al meglio i ruoli scelti e affidati a lei dai grandi registi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>