Al cinema tutti pazzi per Hugo

di Francesca Commenta

 

Un fine settimana di freddo e neve in tutta Italia ma, di certo, carico di film e se volete cercare tepore al cinema in sala non rimarrete delusi dalle pellicole in arrivo. In prima fila tra i lungometraggi più attesi c’è sempre quello di Martin Scorsese che presenta il suo “Hugo“, la fiaba per ragazzi che ha conquistato proprio tutti, pure i giurati dell’Oscar ed infatti è stato nominato più volte. E’ il momento pure di “Millennium” di David Fincher con Daniel Craig e Rooney Mara e “Sulla strada di casa” con Daniele Liotti e Claudia Pandolfi che, come è facile intuire è di produzione italiana. Generi diversi ma successi annunciati, in particolare per il primo.

Hugo Cabret è con Asa Butterfield, Ben Kingsley, Chloe Mortz, Sacha Baron Cohen e tra sogno e realtà trasporta chi lo guarda nel mondo delle fiabe. Parigi è un sogno e non è possibile non emozionarsi. Si racconta  del piccolo Orfano Cabret che negli anni 30 vive nascosto nella stazione ferroviaria della capitale francese. Cerca il modo per ridare vita a un misterioso automa lasciatogli dal padre. Ha bisogno di una chiave di volta che si trova al collo di una ragazzina non troppo facile da gestire, ma il segreto legato a questa vicenda è in mano ad un giocattolaio.

Per chi ama suggestioni forti ma di tipo diverso ecco Millennium, uomini che odiano le donne di David Fincher con Daniel Craig, Stellan Skarsgaard, Rooney Mara, Robin Wright, Christopher Plummer. Legato al romanzo originale di Stig Larson, racconta del giornalista Mikael Blomqvist nel momento in cui accetta un difficile incarico investigativo da un magnate della finanza. Quest’ultimo ha bisogno di scoprire dei misteri sul suo passato familiare. Ecco che decide di aiutarlo una  hacker eccentrica e pericolosa, Lisbeth Salander. Effetti speciali non mancano di certo e il finale lascia incuriositi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>