Posti in piedi in paradiso: il nuovo film di Carlo Verdone

di Francesca Commenta

 

Si intitola Posti in piedi in paradiso il nuovo film di Carlo Verdone, del resto piuttosto pubblicizzato anche in tv nelle ultime settimane e promette di essere esilarante come tutte le sue commedie e di far rilassare e sorridere chi proprio non ne può più dei soliti problemi quotidiani. Da sempre impegnato a prendere in giro i vizi dell’italiano medio e ad enfatizzarli questa volta la pellicola in sala parla proprio della situazione del Belpaese. Con ironia, infatti, affronta il dramma del precariato economico e affettivo, con un pizzico di amarezza ma senza prendersi troppo sul serio e insieme a lui in primo piano ci sono Pierfrancesco Favino Marco Giallini, oltre che Micaela Ramazzotti in piena forma.

I tre uomini al centro della storia devono convivere forzatamente e verranno fuori, in questo modo, tutti i problemi che, il dover stare troppo vicino senza conoscersi bene, comporta. E’ insomma al suo debutto quella pellicola italiana e inoltre, al cinema si potrà vedere per la prima volta anche il lungometraggio che sa di docu-fiction dal titolo  “Cesare deve morire” dei fratelli Taviani. Il film è stato premiato con l’Orso d’oro a Berlino e in primo piano ci sono i detenuti di massima sicurezza del carcere di Rebibbia, a cui viene chiesto di mettere in scena dentro lo stesso penitenziario il Giulio Cesare di Shakespeare. Alla fine i personaggi della finzione e quelli reali sembreranno identificarsi.

Da poco in sala poi: “Gli sfiorati” di Matteo Rovere, che racconta la relazione particolare tra Belinda (Miriam Giovanelli) e Mète (Andrea Bosca). Figli dello stesso padre, si incontrano da grandi e si accorgono di provare qualcosa. Ancora, “Henry” di Alessandro Piva, con Carolina Crescentini e Claudio Gioè. Interessante, infine, “The Woman in Black” con Daniel Radcliffe (l’ex Harry Potter) nei panni di un giovane avvocato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>