Charlize Theron e le donne toste

di Francesca Commenta

 

Splendida e di una bellezza sobria ma intensa: Charlize Theron sembra avere tutto dalla vita tra bellezza, fama, talento e un figlio di recente adottato. Non troppo fortunata in amore fino ad oggi, deve pur mostrare qualche difetto in questa esistenza assolutamente perfetta. Se al momento possiamo ancora notarla nei panni della straga malvagia di Biancaneve, lei conferma che i caratteri decisi e le parti da leader comunque le piacciono molto. Presto la vedremo poi nel ruolo della glaciale Meredith Vickers in Prometheus, il prequel di Alien. La sua attitudine è quella di accettare ruoli scomodi e proprio in questo modo è diventata molto famosa.

A Myself ha confermato tra l’altro che le piace molto accettare parti che la fanno scervellare su come mostrarsi al meglio al pubblico ed, infatti, dice:  “Mi piace interpretare ruoli che mi fanno faticare. Mi sento un po’ figlia della Ripley di Sigourney Weaver, prima di lei non avevo mai visto una donna così forte sullo schermo.Al cinema è facile fare generalizzazioni ed etichettare, ma nella vita mica funziona così, è tutto molto più intricato. Chiunque ha aspetti positivi e caratteristiche negative. Là fuori nel mondo non vedo tutte queste Madre Teresa“. Come mai ama così tanto i personaggi complessi? Perché sono quelli che aderiscono perfettamente alla realtà in fondo.

Le donne forti sono da tenere d’occhio e le piacciono e come conferma lei, sono pure molto stronze, questo però non vuol dire che lei sia disposta a prendere posizioni assolutamente femministe. Ci tiene, infatti a confermare:  “Non mi piace la parola femminismo. Ho l’impressione che si porti dietro un’eredità sbagliata e fuori dal tempo. E poi non c’è nulla di più distante da me dell’odiare gli uomini. Maschi e femmine funzionano come lo yin e yang: ci valorizziamo e ci esaltiamo a vicenda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>