Demi Moore disperata e anche le figlie si stancano

di Francesca Commenta

 

Non ce la fa proprio a superare la fine del suo matrimonio con Ashton Kutcher, a quanto pare. Demi Moore, secondo quanto si vocifera continua a piangere e a disperarsi e i familiari non sanno più cosa fare. Sembra che chiami in continuazione le figlie tra le lacrime e le sue tre ragazze, Rumer, Scout e Tallulah sarebbero proprio stanche. Lo conferma Radaronline e le protagoniste in questione pensano seriamente di chiedere un ordine restrittivo contro la madre Demi per impedirle di prendere contatto con loro. Hanno bisogno di vivere la loro vita e in questo modo sta diventando impossibile.

A sentire queste cose, dispiace davvero per la star di Ghost che oggi è sola ed ha evidentemente bisogno di aiuto. Le fonti comunque parlano chiaro: “le figlie vogliono tagliare i rapporti con lei”. Le sono state molto vicine per mesi, ma adesso non ce la fanno proprio più. In particolare, non l’ha mollata un attimo Rumer, 23 anni, ma vorrebbero prendere un pò di respiro e così non possono andare avanti.

Demi da quando ha divorziato da Ashton Kutcher è molto più simile a quello di una sorella minore che di una mamma. La definiscono così e non riuscendo ad aiutarla si sono arrese. Sembra dunque che “le hanno fatto capire qualche settimana fa che non vogliono parlare con lei in questo momento, ma ciò nonostante sta ancora cercando di contattarli“. Al dolore per la fine del matrimonio, dunque, si è unito lo sconforto per aver perso i contatti con le figlie avute dalla lunga relazione con l’attore Bruce Willis che ora vive a Parigi. “Demi è fuori di sé, chiama incessantemente e manda mail, ma nessuna la richiama, tanto che ora le figlie stanno pensando a una misura molto più drastica”. Speriamo non succeda nulla di grave a questa attrice così talentuosa e sfortunata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>