Naomie Harris, una Bond Girl diversa

di isayblog4 Commenta

 

Non tutte le Bond Girl sono uguali e non mi riferisco soltanto al punto di vista estetico. Di sicuro  Naomie Harris che potremo scoprire già nelle prossime ore al cinema in “Skyfall” rappresenta un punto di rottura con il passato, una sorta di svolta. Il fatto che sia nera e bellissima, di certo gioca a suo favore ma a quanto pare, riuscirà a stupire pure con il suo grande talento. Si dichiara una esperta dell’argomento del resto e dice che sin dalla più tenera età ha amato i film di James Bond, ma questa volta il suo ruolo è differente. Lei è molto presente e operativa nel lungometraggio e non rappresenta un elemento di contorno, come capitava nelle prime pellicole della saga.

La formazione di Naomie Harris è molto completa e dopo la sua nascita a Londra, ha studiato Scienze Politiche e Sociali a Cambridge, ma il talento dietro alla macchina da presa è venuto fuori già a nove anni e se mettiamo che adesso ne ha 36, ha certamente una lunga carriera alle spalle. Con lei hanno lavorato pure alcuni dei grandi del cinema come Danny Boyle in “28 giorni dopo”,  Johnny Depp in “Pirati dei Caraibi” e Michael Mann in “Miami Vice”.

 

Tuttavia, questo personaggio è molto impegnativo sia emotivamente che dal punto di vista recitativo. L’attrice ha spiegato all’Agi che: “E’ stato uno dei ruoli che ha richiesto maggior preparazione fisica: due mesi di allenamento, cinque giorni a settimana per due ore al giorno, lezioni di tiro al poligono e un corso per imparare a fare la barba col rasoio da barbiere…”. In ogni caso, è facile prevedere che la rivedremo ancora nella serie e dice:  “Non so nulla, bisognerebbe chiederlo ai produttori. Io posso solo dire che mi è piaciuto molto lavorare in ‘Skyfall’ anche se all’inizio avevo paura che il pubblico mi odiasse: la sceneggiatura prevede che spari a James Bond e che pensi di averlo ucciso” Tra le bond girl di colore si fa notare, come prima di lei è accaduto a Halle Berry, in seguito vincitrice del premio Oscar. Per l’occasione ha concluso dicendo:”Tra tutte le ragazze di 007 quella che ho amato e ammirato di più è Grace Jones: leggermente folle, selvaggia, indomabile, una Bond-girl che non si era mai vista e che non si sarebbe vista mai più. Inoltre aveva uno stile nel vestire eccezionale“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>