Dario Argento, imbarazzo per Asia nuda sul set

di isayblog4 Commenta

 

Sembrano così serafici e trasgressivi padre e figlia che non penseresti mai che possano imbarazzarsi. Certo però non deve essere facile sia per l’uno che per l’altro, trovarsi in una situazione imbarazzante come quella di restare nudi sul set. Lo stesso Dario Argento ha confermato di averci messo un pò ad abituarsi a vedere la figlia Asia senza veli davanti a lui. Il professionismo, però, ha vinto su tutto e l’abitudine è subentrata poco dopo. Da poco al cinema con Dracula 3D, per la precisione dallo scorso 22 novembre, si è lasciato di recente intervistare dal settimanale Gente ed ha raccontato questa sua nuova esperienza da regista.

Dario Argento, tra i registi italiani non è solo un uomo che con l’horror ha fatto la sua fortuna, ma sa anche colpire con le sue dichiarazioni, come del resto la figlia. Sono dei tipi istrionici quanto curiosi, ma sicuramente carichi di talento. Con la figlia attrice hanno quindi pure un rapporto di lavoro da sempre e nel suo ultimo film per la prima volta ha voluto che morisse. Una scelta che fa discutere ma che lui ha serenamente giustificato dicendo che è solo un film: “È un gioco: tutto finto!”.

L’intervista del giornale è poi proseguita con una richiesta specifica, su cosa possa fare paura a Dario Argento. Quest’ultimo ha risposto:  “I femminicidi, che in questo Paese sono all’ordine del giorno. E Silvio Berlusconi che, dopo la condanna al processo per i diritti Mediaset, è apparso in Tv trasfigurato. Aveva la voce roca e ansimante, il colorito e gli occhi trasformati: sembrava vampirizzato dall’ira e dall’odio”. Di certo, comunque, resta una figura estremamente importante nel panorama cinematografico italiano e, ancora una volta, sa stupire, conquistare e soprattutto affascinare in particolare chi ama l’oscuro, il mistero, le sorprese inattese e le atmosfere gotiche.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>