Daniel Radcliffe, l’attore a cui non manca l’ironia

di isayblog4 Commenta

A Daniel Radcliffe non manca l’ironia e la voglia di divertirsi ed, infatti, è sempre più amato dai fan. Nonostante non riesca a togliersi di dosso l’immagine di Harry Potter, dopo la fine della saga, ci prova in tutti i modi a cancellare la sua immagine di giovane talento diventato famoso da piccolissimo. Esorcizza a modo suo questo evento e ha mostrato un video auto prodotto e tutto giocato sul filo dello scherzo, in cui ha spiegato come si fa a diventare una celebrità. E’ molto semplice, insomma, almeno seguendo tutte le indicazioni dell’attore passo dopo passo.

Il consiglio che bisogna assolutamente seguire è quello di ringraziare intanto gli ammiratori, che sono quelli che coltivano il proprio successo direttamente. Un grazie sentito non deve mai mancare insomma. Montarsi la testa sarebbe sbagliatissimo e non permetterebbe di avere lucidità per agire. Secondi lui anche circondarsi di persone talentuose potrebbe fare la differenza. Ancora una volta, subito dopo aver detto queste cose, scherza e umilia il suo assistente e gli grida in faccia:  “Chi ti credi di essere? Io ho baciato Emma Watson e sono la persona più famosa che tu abbia mai conosciuto“.

Ancora, esprimere con convinzione i propri concetti, aiuta gli altri a credere in chi sei e per l’occasione dice:  Avevo undici anni quando ho preso parte ad uno dei più importanti fenomeni cinematografici. Nella rubrica del mio telefonino ci sono i nomi di Gary Oldman, Maggie Smith e Danny Dyer.Ho il f…to numero di Danny Dyer! Anzi ora lo chiamo“. A farne le spese nel video, anche se si tratta solo di finzione, ancora il suo assistente che francamente sarà anche un pò stufo dei suoi atteggiamenti da star. I fan però si sono lasciati incuriosire dal video e chissà che non seguiranno alla lettera i suoi consigli per vedere se funziona. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>