Amanda Seyfried, Lovelace e nuove rivelazioni

di Francesca Commenta

Sarà il ruolo che interpreta al cinema che la rende meno timida, ma in questo periodo Amanda Seyfried non si crea problemi con le rivelazioni sconvolgenti. Ecco dunque che mentre ci prepariamo a vederla nei panni della pornostar Linda Lovelace, le fa una confessione che lascia tutti senza fiato.

Se per interpretare questo ruolo ha dovuto mettere molto impegno, non è certo una novellina sull’argomento come lei stessa ci ha tenuto a precisare. La Seyfried, a quanto pare, ha scoperto il mondo a luci rosse sin dalla più tenera età. Conferma di aver visto il suo primo porno a cinque, forse sei anni, ancora prima di quanto potrebbe fare un maschietto. Lo ha rivelato al giornale Gq, ben sapendo che avrebbe lasciato tutti senza parole.

L’attrice ha quindi detto: “C’era un tizio vestito da poliziotto e una ragazza china su di lui. E’ stata la prima volta che ho visto un pene. Era un film molto crudo e ricordo anche quando venne. Fu divertente, ma anche molto sbagliato“. Intanto ultimamente per prepararsi al suo ruolo ha dovuto informarsi ancora di più e ha dovuto vedere pellicole come “Gola Profonda”, che nel 1972 lanciò la Lovelace nell’hard e sconvolse il mondo del cinema di settore. Ormai comunque ci siamo, l’attesa è quasi finita e il film sta per arrivare al cinema. Uscirà nelle sale, infatti, il prossimo nove agosto Lovelace“, almeno negli Stati Uniti. Si racconta delle luci e ombre della prima pornostar di Hollywood. Non era tutto oro ciò che luccicava e lei ha sofferto molto, solo che ha trovato il coraggio di dirlo solo tanto tempo dopo gli eventi. La sua esistenza negli anni della giovinezza è stata dura, dai flash sul red carpet agli abusi domestici ad opera del marito-manager Chuck Traynor interpretato, in questo caso, dall’attore Peter Sarsgaard.

 Photo Credit: Courtney su Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>