Lando Buzzanca: cosa è successo veramente?

di Francesca Commenta

Misterioso davvero il caso di Lando Buzzanca che, ieri, sembra essersi tagliato le vene. E’ fuori pericolo per fortuna, ma il fratello e gli amici vicini sono pronti a smentire. Non ci sarebbe nulla di vero nel tentativo di un suicidio, lui non avrebbe mai voluto la morte, a provocare la particolare reazione solo molto stress.

In ogni caso è giallo intorno a quello che è veramente successo all’attore di origini siciliane. Se le fonti parlano di tentato suicidio, il fratello e il figlio dell’attore confermano che si tratterebbe di un “colpo di calore”. Ci sarebbe pure un collega a smontare la tesi che vorrebbe Buzzanca pronto a dire addio alla vita. Secondo lui, infatti, stavano girando insieme una fiction nei giorni scorsi e sembrava felice. Ha confermato che era la solita persona allegra, ma molto stanca.

I testimoni, però, continuano a dire che le sue vene erano tagliate e visto che ancora Lando Buzzanca non ha avuto modo di parlare personalmente, ben poco si sa. L’attore che con lui è stato più a stretto contatto ultimamente è  Marco Falaguasta, protagonista nei panni del giovane commissario Maccari, ha detto:

Il personaggio di Lando, Basilio, è come un padre per Maccari. E’ un uomo che ha scontato con il carcere il suo desiderio di vendetta e fa di tutto perché le altre persone non commettano i suoi stessi errori. I nostri personaggi sono molto legati sul set ed inevitabilmente si crea un legame di confidenze e amicizia anche nella vita. Proprio ieri abbiamo trascorso molto tempo insieme, tra un ciak e l’altro, perché due stuntmen hanno girato al nostro posto. Lando era contento dell’apporto alla sceneggiatura dato dal nuovo regista, Oldoini. Proprio ieri parlavamo di questo, della cura della scrittura di questa serie, dal punto di vista narrativo, più bella della prima e più ricca di colpi di scena.

Photo Credit: Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>