Una produzione tutta italiana quella prevista per l'iconico ladro dei fumetti italiani Diabolik.

Una produzione tutta italiana quella prevista per l’iconico ladro dei fumetti italiani Diabolik.

Diabolik è un personaggio dei fumetti creato nel 1962 da Angela e Luciana Giussani e pubblicato dalla casa editrice milanese Astorina. Esso racconta le vicende di un fascinoso ladro protagonista di storie misteriose, intrighi e rapimenti. Le origini del nome sono riconducibili a Totò Diabolicus, film uscito nello stesso anno, dove estrapolando la parola Diabolicus si ottenne Diabolik. Il suo successo è sicuramente dovuto alle storie di facile accessibilità grazie anche al formato tascabile che permetteva di portarsi dietro gli albi praticamente ovunque.

Il film

Il film dovrebbe uscire per il 2020 e nel frattempo si è già formato il cast composta da:  Luca Marinelli sarà proprio il protagonista chiamato anche “re del terrore”, Miriam Leone sarà la fascinosa compagna Eva Kant e Valerio Mastandrea vestirà il ruolo dell’irreprensibile ispettore Ginko. Sarà la Manetti Bross a produrre il film dedicato al re dei cinecomic nostrani. Il soggetto invece è firmato da Mario Gomboli, autore titolare del fumetto.

A detta dei registi questo film non punterà solo alla somiglianza degli attori ai personaggi (nota di merito per la scelta di Eva Kant e Ginko, una somiglianza quasi perfetta) ma anche alla bravura degli stessi nell’interpretare il ruolo a loro associato. Il fatto che sia mascherato potrebbe aiutare da un lato a tenere sotto controllo le espressioni, ma rendere difficoltosa poi l’interpretazione da basare spesso sulla sola espressività degli occhi, caratteristica che contraddistingue molto questo personaggio.

Ricordiamo inoltre che questo personaggio ha già avuto una trasposizione televisiva in due modi: nel piccolo schermo con il docufilm “Diabolik sono io” diretto da Giancarlo Soldi in tempi recenti, e nel 1968 con l’omonimo “Diabolik” per il grande schermo con Mario Bava alla regia e nel cast John Phillip LawMarisa Mell e Michel Piccoli.

Fonte: ComingSoon.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>