“Sotto le bombe”, dentro il dramma il sentimento

di Blogger Commenta

Dal 30 Aprile è in uscita al cinema il film le “Sotto le Bombe” un film di Philippe Aractingi, presentato al Festival Human Rights di Bologna mercoledì 16 Aprile.

La pellicola è stata presentata anche nell’ambito della quinta edizione del festival “La primavera del cinema francese” svolta a Roma dal 15 al 21 aprile, prodotto dall’associazione Regards/Sguardi in collaborazione con il servizio culturale dell’Ambasciata francese www.france-italia.it

Questo film parla di una donna, Zeina, che vive a Dubai. Parte, folle d’angoscia per il Libano in cerca di suo figlio Karim che aveva mandato a casa della sorella, nel sud del Libano a Kherbet Selem, un piccolo villaggio, per proteggerlo dalle continue liti coniugali. Zeina passa per la Turchia, ma a causa di un blocco non riesce ad arrivare al porto di Beirut. È qui che avviene l’incontro con Tony, il solo tassista che accetta di portarla verso Sud…

Tony è cristiano ed abita a Beirut, suo fratello vive in Israele. Zeina invece è sciita. Nulla li accomuna: ma che importa. Insieme, percorrono i centri di raccolta profughi e attraversano un paese devastato. Arrivati a Kherbet Selem non trovano che rovine. La sorella di Zeina è morta e Ali, un bambino del villaggio, racconta loro che Karim è stato portato via da alcuni giornalisti francesi. Zeina e Tony partono alla ricerca del bimbo disperso… Sono profondamente diversi ma si ameranno, quasi in risposta alla morte che colpisce tutto attorno a loro. A recitare solo due attori, tutti gli altri, rifugiati, giornalisti, militari, religiosi sono persone vere, compresi i bombardamenti.

Nel cast Nada Abou Farhat, Georges Khabbaz, Rawya El Chab, Bshara Atallah.

www.fandango.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>