Jim Carrey: l’amico dei pinguini

di Francesca Commenta

 

Agosto al cinema per molti amanti dei film divertenti e rilassanti che facciano sentire aria di vacanza e che tengano lontani i pensieri negativi. Chi meglio di Jim Carrey può riuscirci? In questo modo eccolo nella commedia “I Pinguini di Mr. Popper”. L’attore interpreta la parte di Tommy, un imprenditore noto e ricco che riceve una eredità speciale. La sua vita, ovviamente, non sarà più la stessa dopo aver ottenuto in eredità ben sei pinguini. Entusiasta lo stesso Carrey, il quale ha confermato: “Mi permette di essere me stesso, un po’ pazzo, irrequieto e divertente”.

Immaginatevi come dovrà modificare la sua casa per far vivere bene queste tenere creature. Sarà tutto un parco invernale nonostante lui sia sempre fuori per il lavoro e poco possa coccolare i suoi nuovi amici pinguini. L’esperienza, come sempre in questi casi, sarà anche molto formativa per il protagonista, visto che non ha mai avuto tempo da dedicare ai figli che vivono con la sua ex moglie e si renderà conto di quali sono le reali sue priorità nella vita. Tanto di guadagnato per i pinguini che si ritrovano in un lussuoso appartamento a Park Avenue, mentre ancora il signor Popper cerca di diventare socio dell’azienda per cui lavora.

 

Tuttavia questa continua ricerca del successo, non gli fornisce poi tutta questa felicità ed è sempre scontento. Ecco che un giorno tutto cambia quando dall’Antartide giunge un ultimo regalo del padre che consiste in una cassa di legno da cui esce un pinguino.Proprio quando sta per rispedirlo in Antartide, ecco che ne vede arrivare altri cinque. Il simpatico gruppo riuscirà a distrarlo e lui manderà all’aria tutti i suoi progetti lavorativi che non gli permettevano di godersi la vita. Come ha confermato l’attore: “Mentre stavo girando, e perfino quando ho scelto di farlo, c’era gente del mio entourage che diceva: “davvero vuoi fare un film sui pinguini?! Cioe’ un film coi PINGUINI, una cosa per bambini?? Ma io ho seguito l’istinto, io amo quei dannati pinguini!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>