L’altra faccia del diavolo: arriva al cinema un film da brivido

di Francesca Commenta

 

Mancano ancora solo pochi giorni e il prossimo 16 marzo sarà la volta del film “L’altra faccia del diavolo” che promette di tenere con il fiato sospeso lo spettatore che adora i film horror e non cerca finale e trama scontata. Di sicuro dalle prime foto che circolano in rete, la pellicola sembra essere davvero da brivido per un lungometraggio ambientato nel 1989. Le prime scene partono da una chiamata al numero di pronto intervento 9-1-1 e chi risponde trova dall’altro lato del filo è Maria Rossi. Quest’ultima senza troppo timore, confessa di aver ucciso tre persone nel modo più violento possibile.

La storia passa ai successivi venti anni, quando è la figlia Isabella a mettersi al lavoro per cercare di scoprire quali verità si celano dietro terribili eventi passati e mai spiegati del tutto. In particolare, proprio su quella notte della telefonata il cerchio non si chiude e qualcuno deve pur fare luce su una storia che potrebbe avere tragici risvolti anche in futuro.

Convinta ad andare fino in fondo, quindi, si reca in Italia all’Ospedale Centrino per Maniaci Criminali dove sua madre è stata rinchiusa. La domanda è: la madre è pazza e mentalmente non sta bene oppure è posseduta dal demonio? Certa che la mamma si possa curare chiama perciò due esorcisti che usando metodi innovativi che combinano scienza e Religione, si trovano faccia a faccia con il male supremo. La certezza lascia senza parole: Maria è posseduta da 4 potenti demoni. Riusciranno ad aiutarla a stare meglio e a dimostrare al mondo che lei non era fuori di testa? In che modo potranno farcela di fronte a tutto questo? Ancora pochissima attesa e lo sapremo andando al cinema. Di sicuro già a parlare delle trama si prova un certo senso di paura e il film promette veramente di far tremare in sala e l’attesa cresce.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>