The Amazing Spider-Man: la verità sull’eroe più amato

di Francesca Commenta

Se amate il suo personaggio, vi sarete sempre posti delle sue domande, in particolare su di un passato di cui si sa ben poco. Ora non dovrete più scervellarvi, perché scoprirete tutto quello che vi interessava sapere nel film  “The Amazing Spider-Man” di Marc Webb che esce nelle sale italiane in 3D il 4 luglio. Si potrà notare, in questo modo, il modo di affrontare i propri poteri del giovane Peter Parker, subito dopo l’adolescenza. Ad interpretarlo c’è Andrew Garfield e la sua vita si svolge tra liceo e solitudine, visto che non ha amici. L’amore però bussa alla porta e si innamora della super bionda Gwen Stacy (Emma Stone). Da quel momento la sua vita in qualche modo cambia e allo spettatore non sono risparmiate le scene sexy.

Se pensate che si tratti di un remake della famosa saga, vi sbagliate di grosso, E’ come se fosse un capitolo a parte di  “Spider-Man” che arriva a distanza di tempo dalla trilogia molto amata dal pubblico di Sam Raimi con il superprotagonista Tobey Maguire. Attualmente in rete si possono notare degli estratti della pellicola e si nota subito il protagonista piuttosto impacciato con la vita da supereroe.

In effetti, Peter è stato abbandonato dai genitori e viene cresciuto dagli zii ed è quindi molto timido e schivo, non del tutto adatto all’inizio alla vita da star che lo attende. Tuttavia il giovane finisce alla Oscorp, dove trova lo scienziato Curt Connors un ex collega del padre. Quest’ultimo sembra essere l’unico in grado di aiutarlo e dal momento in cui riceve i superpoteri per lui inizia il momento di combattere il male. Lo stesso vale per l’alter ego di Connors: il terribile Lizard. Siete curiosi di sapere di più su questo personaggio che seguiamo praticamente da sempre, sin dalla prima infanzia? Noi si, ma l’attesa sarà ancora un pò lunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>