Il diavolo veste Prada 2, mette a dieta Meryl Streep

di Francesca Commenta

 

Potrebbe esserci un sequel del  best seller “Il diavolo veste Prada“, intitolato “La vendetta veste Prada”. Ci sta lavorando la stessa scrittrice,  Lauren Weisberger e ovviamente gli occhi del cinema sono tutti puntati sull’evento che potrebbe portare Meryl Streep ad interpretare di nuovo la parte della perfida protagonista. La spietata direttrice che però aveva qualche punta di umanità, a capo di uno dei giornali di moda più importanti, Miranda Priestley, vuole tornare alla carica insomma, ma lei è davvero pronta a riprendere una delle parti più esilaranti e particolari che ha interpretato? Sembra di no, soprattutto a livello fisico, ma con il solito sorriso ha detto: “Nessun problema ma devo perdere un sacco di kg prima”.

Dovrà saperlo in tempo, insomma, per iniziare una dieta che la riporti nella taglia che indossava quando si trovava sul set per questo film. “Il diavolo veste Prada” è il film cult ormai, che tutti o quasi hanno visto e, nel 2006 è uscito anche nelle sale italiane. Per l’occasione è stato diretto da David Frankel. Dopo sei anni, i fan del libro e della pellicola hanno cominciato a chiedere insistentemente un altro capitolo della storia e vorrebbero scoprire le nuove avventure non solo di Miranda ma anche della assistente Andy Sachs, una giovane Anne Hathaway.

Una richiesta che potrebbe quindi essere accontentata ma la stessa scrittrice, in fondo, non ha alcuna fretta per ora e si sta prendendo tutto il tempo necessario per scrivere al meglio la nuova storia. Sapremo a breve, però, temi e possibilità che il desiderio di molti si avveri. La protagonista è davvero così cattiva o mostrerà una punta di umanità? La storia si è davvero conclusa con il primo romanzo o, in merito c’è ancora troppo da raccontare? L’attesa non potrà essere troppo lunga e noi siamo qui ad attendere che la scrittrice ci dia un segno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>