Dianna Agron di Glee al Giffoni Film Festival

di isayblog4 Commenta

Era attesa come una star al Giffoni Film Festival Dianna Agron e il successo, dopo anni di lavoro a Glee, sembra ancora lasciarla di stucco. Intanto, anche i fan italiani erano in delirio per questa bella ragazza, giunti addirittura da altre parti d’Europa solo per poter scattare una foto alla star, a distanza ravvicinata. Intervistata per l’occasione, l’attrice ha detto: “Mi ispiro a Audrey Hepburn: vedendo i suoi film ho capito quel che volevo fare. E a Sofia Loren e Grace Kelly”. Sa bene, però che giungere a questi livelli non è facile e non deve mancare l’impegno, per cui ai ragazzi che vorrebbero seguirne le orme si sente di dire: “Non arrendetevi, ero una sfigata ora recito con Robert De Niro”.

Sincera, diretta e soprattutto sorridente si è concessa alla folla tra scene di vero delirio. Lei è giovane e bellissima: bionda con capelli lunghi che accarezzano le spalle, ballerine ai piedi, vestito leggero svasato Anni 50, niente trucco. Un look ben studiato in fondo, visto che un rossetto rosso è l’unico elemento che spezza la sua figura acqua e sapone e regala un tocco di colore acceso alla pelle diafana.

Per la prima volta Dianna Agron è in Italia e ha scelto di non mancare al Giffoni dicendo: “Non molto tempo prima di cominciare a lavorare per ‘Glee’ ho fatto oltre 30 audizioni per avere una particina di un musical e non ci ero riuscita. Ero a terra. Poi ne ho fatto uno per Glee e mi hanno preso subito. Alla fine le cose importanti succedono anche se inizialmente può sembrare che le cose non vadano come vorremmo“. L’attrice 26enne spiega quali sono i segreti del successo di questa serie cult, che magari presto potrebbe approdare pure al cinema:”Musica, danza e sfigati.Il pubblico si identifica con i ragazzi di Glee perché sono degli sfigati anche io quando ero a scuola non ero certo una ragazza ‘cool’: ballavo, cantavo in vari gruppi ma non ero certo la preferita dei professori”. Intanto per lei ora è il momento di passare al grande schermo. Andrà a Parigi a girare “Malavita” di Luc Besson con Robert De Niro sulla storia di una famiglia di un gangster costretto a vivere in Normandia sotto protezione: “Non vedo l’ora di lavorare con Besson, in Europa i film hanno toni più vivaci e, se mi arriveranno altre proposte interessanti, le accetterò”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>