Nicole Kidman, i figli e Scientology

di Francesca Commenta

 

Il suo legame con Tom Cruise ormai non esiste più, se non per il bene dei due figli adottati quando stavano insieme, ma Scientology, che l’attore ha sempre seguito con costanza ritorna ancora. Ecco perché l’attrice di origine australiana ha confessato:  “Ho due figli che appartengono a Scientology, Connor e Isabella, e rispetto assolutamente le loro credenze“. Certo non sarà stato facile, visto che ha sempre dimostrato di volerne restare fuori, ma l’amore materno si sa, vince su tutto.

Oggi lei ha altre due bimbe, ma i maggiori che hanno 20 anni Isabella e 17 Connor, sono già in grado di scegliere da soli e lei non vuole bloccarli o, forse, non può. Per questo non fa altro che assecondarli e sperare che scelgano il meglio. Hanno deciso di seguire il padre e da tempo ormai sono membri della tanto discussa setta religiosa.

Nicole Kidman ha 45 anni ed è impegnata sul set di Grace of Monaco. In queste settimane è stata criticata insieme alla produzione aspramente dalla famiglia Grimaldi che ritiene non veritiero il film sulla madre. Ci sarebbero infatti parti da modificare secondo il principe Alberto, Caroline e Stephanie in merito alla storia dell’attrice e moglie del principe Ranieri, Grace Kelly. Avrebbero proprio diffuso un comunicato in cui si nota il disappunto, ma sarebbe stato finora disattesa ogni richiesta. In più, secondo quanto riporta il quotidiano inglese “The Sun”, le preoccupazioni che i figli maggiori le danno. Per lei deve essere un periodo stressante, ma fa spallucce e dice:Ho scelto di non parlare in pubblico di Scientology“. Secondo lei possono decidere da soli e, del resto, dal 2006 è sposata con il cantautore neozelandese Keith Urban e vive con le piccole Sunday Rose di quattro anni e Faith Margaret, di due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>