Vanessa Paradis ricorda Johnny Depp

di Francesca Commenta

Dopo l’amore e le liti resta l’affetto, quello profondo e la consapevolezza che Johnny Depp è comunque il padre dei loro figli. Vanessa Paradis ha di recente ricordato con dolcezza l’ex marito confermando di essere stata molto fortunata ad averlo come compagno. Ha poi ribadito che nessuno ha il diritto di voler sapere perché non stanno più insieme, perché si tratta di vicende personali.

Nel frattempo la sua carriera va discretamente ed ha realizzato un doppio album di canzoni d’amore “Love Song” e in  Plus d’amour lyrics“, canta il suo pensiero profondo e continuo per l’artista. Nelle interviste ha detto di non essersi pentita di nulla e di non avere rimpianti, ma di essere pronta a rivivere tutto almeno nella propria mente. Non cambierebbe una virgola insomma di quello che ha scelto nel corso del tempo e Depp è ai primi posti. 

A Vanity Fair di recente ha confessato:

Sono stata fortunata a incontrare Johnny, a passare anni bellissimi con lui.Siamo stati felici, e questo non lo dimenticherò mai. La nostra separazione è stata trattata come se fosse un affare di Stato. Ma Johnny non è mai stato presidente, e io non sono mai stata first lady. Non capisco perché dovremmo spiegare al mondo che cosa è successo fra noi. Non siamo un modello, non abbiamo il dovere di dare l’esempio. Siamo artisti, e un artista ha solo il compito di piacere al suo pubblico, per lo spazio di un film o di una canzone”. Formavate una coppia che molti consideravano perfetta, e in cui sentivano il desiderio di identificarsi. “Ci siamo fatti fotografare insieme perché stavamo insieme, abbiamo fatto cose normali e abbiamo avuto problemi normali, come quello di non amarci più. Ma preferisco raccontare il futuro, non il passato.Sa di che cosa avrei veramente voglia in questo momento di transizione? Di trasferirmi in Italia. 

 Photo Credit: Baptiste ROUSSEL su Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>