Sarah Michelle Gellar: un misterioso disturbo

di Francesca Commenta

Un luogo comune ancora più diffuso degli altri, conferma che nel mondo dello spettacolo molti artisti sono strani e in fondo non sempre si tratta di una esagerazione. Se è vero che ognuno di noi è curioso nel suo piccolo, è altrettanto certo che chi è più famoso è sotto gli occhi di tutti e tende a stressarsi maggiormente e in più ogni piccolezza viene notata subito. La persona sulla quale i media si stanno concentrando da qualche settimana è in particolare Sarah Michelle Gellar in realtà per sua stessa confessione. L’attrice che è ben nota soprattutto per aver lavorato sul piccolo schermo e meno al cinema ha rivelato a Health di soffrire di dismorfismo corporeo.Di che si tratta? Qual è lo strano disturbo della protagonista del telefilm cult “Buffy”?
Si tratta di un disgio psicologico che consiste nella mania di avere un difetto fisico, cosa impossibile da non trovare in quanto nessuno di noi è perfetto. Per cui come un cane che si morde la coda si cade in preda a stress e depressione, con la conseguente difficoltà a guardarsi allo specchio. Detto così lascia senza parole e potrebbe essere preso come un disagio leggero e invece può diventare pure molto pericoloso. La stessa Gellar ha dichiarato: “Un mio amico makeup artist una volta mi disse che non mi aveva mai visto guardarmi allo specchio. Sono sempre circondata da quegli oggetti per via del trucco e parrucco, ma effettivamente cercavo sempre di evitarli. Allora mi sono fatta delle domande”.
Oggi lei ha 34 anni, è sposata con l’attore Freddie Prinze Jr. e ha una figlia, Charlotte, 2 anni, che la sta aiutando a superare questo problema e infatti ha concluso dicendo: “Devo solo ricordare che sono un essere umano e una mamma. Essere genitore cambia la vanità, almeno un po’. Deve. Le priorità sono diverse rispetto a prima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>