Michael Moore fa rilasciare il regista palestinese fermato a Los Angeles

di Francesca Commenta

 

Accadono fatti curiosi a volte, soprattutto legati al mondo dello spettacolo.Questa volta, la location del bizzarro evento è Los Angeles, dove Emad Burnat, autore di 5 Telecamere rotte, primo documentario palestinese nominato agli Oscar, è stato trattenuto dall’ufficio Immigrazione. Per fortuna era amico di Michael Moore che lo ha aiutato a risolvere l’annosa questione. Quest’ultimo ha usato Twitter per raccontare la vicende e ha detto: Non potevano credere che un palestinese potesse essere tra i candidati al premio”. In meno di mezz’ora la brutta avventura per il regista e la famiglia è stata superata.

Il documentario in questione parla della vita di un villaggio palestinese, ma il suo arrivo all’aeroporto di Los Angeles non è stato di certo come si aspettava. Nessuno voleva complimentarsi con lui, anzi ha fatto fatica a dimostrare il fatto che sarà tra i candidati all’Oscar. Moore ha scritto sul famoso social: “E’ successo stanotte. Emad Burnat, contadino trasformatosi in regista, autore di 5 Telecamere rotte, primo documentario palestinese a ricevere una nomination agli Oscar, è stato trattenuto dall’Immigrazione all’aeroporto Lax di Los Angeles”. 

Lo stesso ha poi confermato:

Sebbene abbia mostrato l’invito per coloro che hanno una nomination agli Oscar ciò non è sembrato sufficiente e hanno minacciato di rispedirlo in Palestina. Sembra che a quelli dell’ufficio Immigrazione risultasse incomprensibile come un palestinese potesse essere uno dei nominati agli Oscar. Benvenuti in America. Emad era certo che stessero per espellerlo e allora mi ha scritto chiedendomi aiuto -. Io ho chiamato gli organizzatori degli Academy Awards, che a loro volta hanno mobilitato gli avvocati. Poi ho detto a Emad di dare a quelli dell’Immigrazione il mio numero di telefono e di fare il mio nome un paio di volte.

Un evento che certamente ricorderanno entrambi, ma ora è tempo di pensare ad altro. La kermesse si avvicina e vincere sarebbe di sicuro davvero molto importante.
Photo Credit: mondoweiss.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>